Oltre la Mole: i 5 edifici più strani ma belli di Torino

La Mole con il suo profilo è il simbolo di Torino. Ma in giro per la città non mancano palazzi dalla forma singolare: ecco i 5 più celebri

foto di MuseoTorino

Pur essendo “solo” dell'Ottocento, e probabilmente neanche l'edificio storicamente più importante, la Mole Antonelliana è unanimemente considerata il simbolo di Torino (oltre che un luogo per sposarsi e per mostre davvero singolari). Anche i torinesi, del resto, pur essendoci abituati, ogni volta che la vedono sbucare in qualche scorcio, anche solo in televisione o al cinema, non possono nascondere un misto di quell'ammirazione e stupore tipica dei turisti che la osservano per la prima volta. Gran parte del merito va sicuramente al suo profilo inconfondibile, alla sua forma particolare e unica.

La Mole Antonelliana, tuttavia, non è l'unico edificio “strano” di Torino. Anche senza contare i palazzi liberty (scopri i più belli della città), ci sono almeno 5 edifici davvero strani che tutti i torinesi dovrebbero conoscere.

Ecco quali sono:

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Intimidazioni e attentati, operazione contro la 'ndrangheta: 16 arresti

  • Cronaca

    Rapina nel supermercato: banditi armati di pistola fuggono col bottino

  • Cronaca

    Investita sulla ferrovia, circolazione bloccata

  • Cronaca

    Nascondevano la droga negli slip e vicino al bidone dell'immondizia: quattro arresti

I più letti della settimana

  • Daniele è stato ritrovato: un telespettatore chiama la trasmissione televisiva

  • Impresa Champions, Ronaldo festeggia al ristorante: per lui un'ovazione da star

  • Esce dall'ospedale e scompare nel nulla: che fine ha fatto Daniele?

  • Accoltella il vicino di casa al culmine di una lite su questioni condominiali: arrestato

  • Tragedia nel fiume: ripescato il corpo di un uomo, si è suicidato

  • Juventus-Atletico Madrid streaming e tv: dove vedere la partita di Champions League in diretta

Torna su
TorinoToday è in caricamento