Coltivazioni di marijuana, nelle cascine agricole la “droga fai da te”: un altro arresto

Nel 2016 i sequestri di piante sono aumentati, come se la cannabis fosse ormai una pianta-ortaggio qualsiasi

La produzione fai da te di hashish e marijuana, in Piemonte, sta aumentando in modo esponenziale. Nel 2016 i sequestri di piante sono stati 5.733. I coltivatori italiani di cannabis producono lo stupefacente in aziende agricole o in serre costruite in ogni dove, capannoni, magazzini, scantinati. I carabinieri del comando provinciale di Torino hanno individuato e sequestrato, negli ultimi anni, decine di serre clandestine, dotate anche di attrezzature sofisticate, come se la cannabis fosse ormai una pianta-ortaggio qualsiasi.

Gli ultimi due sequestri sono stati effettuati dai carabinieri della Compagnia di Chieri. Mercoledì mattina, a Cervere (Cn) frazione Grinzano, i militari hanno arrestato un 40enne perché ritenuto responsabile di produzione di stupefacenti. Nella cascina agricola dell’uomo i militari hanno sequestrato 53 piante di marijuana, coltivate in apposita serra dedicata alla specifica coltivazione, 1 essiccatore, 1 impianto di areazione, 1 deumidificatore, 2 lampade alogene, 2 lampade al neon, 2 termostati, 1 idrometro elettronico, vari flaconi di liquido fertilizzante, numerose buste di semi di canapa indiana, varia qualità e diversi  manoscritti di interesse investigativo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento