Nei boschi a sparare con la doppietta clandestina: arrestato operaio

Non ha neanche il porto d'armi

La doppietta abusiva sequestrata dai carabinieri e dalle guardie ecologiche

Un operaio italiano di 56 anni residente a Chieri è stato arrestato dai carabinieri della locale compagnia, in collaborazione con le guardie ecologiche volontarie della Città metropolitana di Torino, per porto di un’arma clandestina.

L’uomo è stato sorpreso ieri, mercoledì 26 settembre 2018, a Riva presso Chieri, in una zona boschiva di località Madonna della Rovere. Le guardie ecologiche hanno subito constatato che portava con sé una doppietta con matricola abrasa e hanno chiamato i carabinieri. Questi ultimi hanno accertato che l’uomo non era titolare di un porto d’armi.

La perquisizione a casa sua ha permesso di sequestrare 21 cartucce. L’arma e le munizioni sono state sequestrate e l’operaio è stato collocato ai domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento