Intorno al grattacielo le baracche, "Il giardino è una discarica"

I residenti del Cit Turin non hanno mandato giù l'occupazione abusiva di parte del giardino Nicola Grosa. Dietro il cantiere del grattacielo, infatti, sono spuntati alcuni ripari di fortuna

Approfittano di cantieri e lavori in corso per trovare uno spazio tranquillo all’ombra del gigantesco grattacielo Intesa San Paolo. Il giardino Nicola Grosa, presto al centro di un’importante riqualificazione, è diventato un terreno ambito dai disperati della zona. Tra via Cavalli, corso Inghilterra e corso Vittorio Emanuele II i ripari di fortuna sono aumentati a vista d’occhio. Alcuni molto piccoli, magari dietro ai cespugli dove si possono trovare facilmente dei vestiti o delle coperte. Altri decisamente ingombranti come quello che si trova alle spalle del cantiere. Invisibile agli occhi degli operai ma ben noto al quartiere Cit Turin che ha già segnalato più volte il caso alla circoscrizione Tre.

Chi attraversa l’area verde per portare a spasso il cane o per fare quattro chiacchiere con gli amici potrà notare una baracca in legno coperta solo da un telo, tra sedie, tavolini e materassi. All’apparenza sembra abbandonata ma basta aspettare due o tre minuti per vedere sbucare qualche testa. Di solito una donna e un anziano.

Nascosti tra gli alberi e le ruspe hanno trovato casa un gruppo di disperati che da lì proprio non sembrano avere alcuna intenzione di andarsene. “Vanno e vengono – racconta un residente -. Non vogliono essere scocciati. Ma il problema è che hanno trasformato il giardino in un grosso letamaio. Tutto questo è inaccettabile, non si può vivere a due passi da un’area giochi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’interno si può subito notare il piccolo ingresso senza porta con borse e avanzi di cibo sparsi qua e là. L’unica porta, se così vogliamo chiamarla, è un telo appeso al tetto con due ganci issati per separare la “camera da letto” dall’esterno. Argomenti che non potranno non essere affrontati domani mattina quando gli assessori all’Ambiente e all’Urbanistica Enzo Lavolta e Stefano Lorusso presenteranno, insieme al presidente della circoscrizione Daniele Valle, il nuovo progetto del giardino Nicola Grosa i cui lavori saranno portati avanti proprio dal gruppo Intesa San Paolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

  • Si scontrano due auto all'incrocio: morta una donna e ferita sua figlia

Torna su
TorinoToday è in caricamento