Nessun avvocato per i No Tav detenuti per gli scontri del 2011

I manifestanti detenuti hanno deciso di fare a meno degli avvocati nel processo che li vede imputati per gli scontri dell'estate del 2011 in Valsusa. "Sentiamo di non doverci difendere da niente e da nessuno"

I tre attivisti No Tav ancora detenuti in carcere hanno deciso di affrontare il processo senza avvalersi degli avvocati. Lo hanno fatto sapere diffondendo un documento su internet. Il provvedimento per i tre era stato preso in seguito alla la maxi inchiesta sugli scontri in Valsusa nell'estate del 2011.

I tre considerano "l'apparato giuridico un teatrino" e dicono di rinunciare ai legali "perché sentiamo di non doverci difendere da niente e da nessuno, perché vogliamo attaccare lo stato e la società con il suo monopolio della violenza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Shopping, 3 tonnellate di vestiti in vendita "al chilo": l'evento per due giorni a Torino

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Paura al campo di calcio: bambino di 8 anni si accascia al suolo mentre gioca la partita

  • Marito e moglie investiti da un'auto mentre attraversano la strada

Torna su
TorinoToday è in caricamento