Caso De Tomaso, Gian Luca Rossignolo: "Mi sono fidato troppo"

L'ex dirigente si è difeso davanti al gip dicendo che non sapeva della polizza falsa ma intanto la guardia di finanza continua a indagare

Troppa fiducia nei professionisti con cui lavorava: così si è difeso davanti al gip, nell' interrogatorio di garanzia, Gian Luca Rossignolo, ex amministratore della casa automobilistica De Tomaso, arrestato dalla guardia di finanza nella stessa inchiesta che alcuni mesi fa aveva portato a un ordine di custodia cautelare anche per il padre, Gian Mario.
 
Secondo la ricostruzione dell'accusa si sarebbe trattato di falsa fidejussione (con la complicità di un professionista) per ottenere un finanziamento ministeriale di sette milioni e mezzo destinati a corsi di aggiornamento per il personale ma utilizzati per altri scopi.
 
L'ex amministratore della De Tomaso, a suo dire, non sapeva che la polizza fosse falsa. La guardia di finanza sta cercando di ricostruire la destinazione di tutto il denaro ricevuto da Roma. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

Torna su
TorinoToday è in caricamento