De Tomaso: continua protesta dei lavoratori fuori da casa Rossignolo

Da quasi quattro giorni Giacomo Ricaldone è incatenato al cancello dell'abitazione del patron della De Tomaso. Insieme a lui altri operai hanno montato una tenda e attaccato uno striscione "Rossignolo paga gli stipendi"

E' ancora incatenato al cancello dell'abitazione di Gian Mario Rossignolo l'operaio che ha deciso di protestare in maniera plateale contro l'incerto futuro della De Tomaso. Da lunedì sia Giacomo Ricaldone che molti suoi colleghi sono in presidio permanente.

L'assessore regionale Porchietto nella giornata di oggi incontrerà alcuni lavoratori della De Tomaso, ma - fanno sapere i molti colleghi - il presidio rimarrà. Il problema, lamentano gli operai, è il mancato pagamento della cassa da due mesi e di alcuni arretrati.

In più, dopo che l'ingresso in società del socio cinese è sfumato, resta un grosso punto interrogativo il futuro di azienda e lavoratori. Fuori dall'abitazione di Rossignolo i dipendenti della De Tomaso hanno montato una tenda e attaccato un grosso striscione con scritto "Rossignolo paga gli stipendi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento