De Tomaso, truffa sui finanziamenti: in manette l'ex direttore generale

Nuovi arresti nell'ambito dell'inchiesta della guardia di finanza di Torino sui finanziamenti pubblici erogati alla De Tomaso

Continuano le indagini della Guardia di Finanza di Torino sui finanziamenti pubblici erogati alla De Tomaso.

Questa mattina è scattato l'arresto per altre due persone collegate con la società. Si tratta dell'ex direttore generale dell'azienda dichiarata fallita dal Tribunale di Livorno, Massimiliano Alesi, e del procuratore speciale della Tas, società cuneese incaricata dalla casa automobilistica di attività di enginnering e sviluppo tecnico di auto, Giuliano Malvino. Per entrambi sono scattati gli arresti domiciliari con l'accusa di concorso in truffa aggravata ai danni dello Stato.

Alesi e Malvino avrebbero avuto, secondo i magistrati, un ruolo di primo piano nella riscossione indebita di 13 milioni di euro di fondi pubblici, i quali sarebbero dovuti essere utilizzati per finanziare corsi di formazione professionale e l'allestimento di nuovo linee produttive. Secondo quanto si è scoperto, Alesi avrebbe intascato parte dei fondi (circa un milione di euro) con false fatture emesse alla De Tomaso da aziende a lui riconducibili. Le responsabilità penali di Malvino sarebbero invece legate alla sua carica di procuratore speciale della Tas, società che avrebbe emesso fatture gonfiate nei confronti della Te Domaso, pagate con fondi erogati dalla Regione Piemonte. Parte del denaro, secondo la ricostruzione della guardia di finanza, illecitamente trasferito alla Tas è stato poi restituito alla holding dei Rossignolo, proprietaria dell'azienda automobilistica, attraverso degli aumenti di capitale in realtà mai realizzati e la stipula di contratti fittizi di cessione e di utilizzo del marchio 'Fissore'.

Le indagini della Guardia di Finanza sono partite poco prima che la De Tomaso fosse dichiarata fallita. Si parlava in modo ufficiale di un investitore cinese che avrebbe dovuto acquistare la società salvandola dalla fine che ha poi fatto. Questo ricco personaggio però non si è mai fatto vivo, così come il capitale che avrebbe dovuto investire.

Durante le indagini sono state arrestate sette persone, tra cui Gian Luca Rossignolo, e denunciate altre dodici. Sono responsabili tutte, a vario titolo, di truffa aggravata ai danni dello Stato e riciclaggio.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Ok Morando Sergio Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando
    Ok Morando Sergio Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando

    Belin lo scandalo o meglio gli scandali della VERGOGNA ITALIA vengono messi in luce, altri sicuramente ne seguiranno in quanto i finanziamenti illeciti, corsi sicurezza non fatti, cassa integrazione passata ma gli usi sono per tutt'altro..sia in Piemonte Liguria Lombardia sono presenti in tutto l'ex triangolo industriale e NON solo questo fare è nelle industrie !Tanti finanziamenti ad esempio li prendono COMUNI ma anche società sportive, cooperative che gestiscono i beni pubblici come piscine , palestre ecc. ecc. e fanno purtroppo simili cose di certe industrie e multinazionali. Gli elogi vanno alla Guardia di Finanza che finalmente porta a fare vedere quanto l'Italia in generale è sporca assi NON onesta con intrallazzi della solita politica e banchieri uniti come fratelli che ora saranno illuminati "si spera tutta" dalla GIUSTIZIA artificialmente e chi ha occultato e occulta tutt'ora sarà in luce .Vergogna Italia continua nella prossima a breve.. puntata. Morando

Notizie di oggi

  • Cronaca

    200euro per l'acquisto della divisa, ma del lavoro promesso nemmeno l'ombra: un arrestato

  • Cronaca

    Lingotto-Bengasi, incrociano le braccia gli operai del cantiere della linea 1 della metro

  • Cronaca

    "Sì, ci allacciamo abusivamente": l'ammissione shock all'inviato di "Striscia la Notizia"

  • Video

    Piazza Baldissera, mobilitazione per il sottopasso e timori per la chiusura di via Cecchi

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • Doppio incidente nella notte: auto impazzita travolge tre persone, ferito gravemente il conducente

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Colta da un malore in casa, mamma muore tre ore dopo: indagati sanitari dell'ambulanza e medico del pronto soccorso

Torna su
TorinoToday è in caricamento