Gli imbecilli dei petardi l'hanno fatta grossa: sfregiato il monumento all'ex presidente

Danni anche a una panchina

Il monumento danneggiato all'ex presidente Sandro Pertini, nell'omonima piazza a Collegno

Non hanno avuto pietà neanche del monumento all'ex presidente della Repubblica Sandro Pertini, un bassorilievo metallico inaugurato oltre 20 anni fa insieme all'omonima piazza a borgata Paradiso di Collegno.

Gli imbecilli specializzati nel lancio petardi (guarda qui quello che hanno combinato altrove, in città e in provincia) si sono scatenati nella notte di oggi, martedì 1 gennaio 2019, devastando tutto quello che hanno potuto nell'area e più in generale nel quartiere.

In piazza Pertini, oltre al monumento, è andata distrutta anche una panchina. Ma chiaramente pesa tantissimo lo sfregio al volto dell'ex presidente, raffigurato dall'artista cuneese Gioachino Chiesa nel periodo in cui era partigiano.

"Quello che avete fatto è da sciocchi e da maleducati", recita un biglietto affisso da una persona a cui evidentemente stava a cuore l'opera d'arte.

Sull'accaduto sono in corso le indagini dei carabinieri della stazione cittadina.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

Torna su
TorinoToday è in caricamento