Morì nel crollo di una palazzina, in Italia le ceneri di Alessandro Locatelli

Locatelli era molto noto in Valsangone anche perchè figlio di un imprenditore edile di Giaveno

Il crollo di una palazzina di quattro piani avvenuto in uno stabilimento balneare ad Arona, sull’isola di Tenerife, arcipelago della Canarie, è costato la vita ad un torinese. Alessandro Locatelli, nato a Torino nel 1962 e residente in Spagna, è morto sotto le macerie.

Le ceneri di Locatelli sono tornate in Italia solo oggi. L’urna cineraria è stata benedetta dal sacerdote di Sangano, e sarà poi sepolta nella tomba di famiglia vicino alla madre dell’uomo mancata anni fa.

Estratto dalle macerie nella notte tra venerdì 15 e sabato 16 aprile, Locatelli era molto noto in Valsangone anche perchè figlio di un imprenditore edile di Giaveno. Da anni divideva la sua vita tra il Piemonte e le isole dell’Atlantico.

La palazzina, che si trovava in calle Amalia Alayon, vicino all'antico porto di pescatori in località Los Cristianos, ha ceduto portandosi via numerose persone. E lasciando un vuoto incolmabile. Nel crollo sono morte 7 persone.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esce per le compere e viene uccisa: il suo cadavere trovato nei giardini della chiesa

  • Cronaca

    Ridotta in schiavitù e costretta a mettere il velo: scappa e fa arrestare il suo compagno

  • Cronaca

    Colpi di fucile contro la pizzeria chiusa: era per costringere la titolare a vendere, un arresto

  • Video

    È arrivata la neve: timidi fiocchi imbiancano la città

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • Doppio incidente nella notte: auto impazzita travolge tre persone, ferito gravemente il conducente

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Giornata di passione per il trasporto pubblico: quattro ore di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento