Torinese è scomparso a Panama da maggio, i familiari temono il peggio

Cristiano Zeviani, 49 anni, è l'erede della famiglia Vagnino, nota per i negozi di cartoleria. Gestiva attività immobiliari

Cristiano Zeviani in una foto scattata a Panama

Un torinese è scomparso dallo scorso 10 maggio a Panama, dove abitava da qualche tempo. Si tratta di Cristiano Zeviani, erede della famiglia Vagnino, nota per i negozi di prodotti per cartoleria e ufficio. I familiari temono che sia stato assassinato.

Figlio di Lucetta Vagnino, Zeviani, 49 anni, gestiva alcune attività immobiliari a Ciudad de David, nella provincia di Chiriquì. In passato aveva vissuto anche in Brasile. A Panama aveva una compagna e fino al giorno della sparizione si era sempre mantenuto regolarmente in contatto con la madre.

La polizia panamense ha trovato la sua auto e il suo telefono cellulare ma di lui non c'è traccia. Si teme che sia rimasto vittima di ritorsioni o ricatti. Le indagini, sostiene la sua famiglia, procedono molto a rilento e per questo è stato incaricato di seguirle all'avvocato torinese Antonio Foti, che ha scritto all'ambasciata italiana a Panama e al Ministero degli esteri per avere aiuti.

"L'ipotesi peggiore - dice Foti - è quella più concretamente formulabile. E' un fatto che non possiamo che pensare al peggio. Non abbiamo avuto risposte dal ministero. Eppure la prima volta abbiamo scritto a distanza di parecchi mesi dalla scomparsa".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento