Morto clochard, dall'opposizione: "Il Comune non scrolli le spalle"

Marrone: "Propongo la convocazione di un Consiglio Comunale aperto con le realtà pubbliche, associazionistiche e religiose impegnate sul tema in largo Montebello, sul luogo del tragico decesso del senzatetto assiderato"

Un Consiglio comunale convocato direttamente in largo Montebello, nel luogo in cui ieri notte è stato trovato morto assiderato un senzatetto. E' questa la proposta di Maurizio Marrone, capogruppo di Fratelli d'Italia, in seguito al decesso del clochard a causa del freddo.

Il tragico episodio ha sollevato, infatti, un polverone. Se da una parte il vicesindaco Elide Tisi, conferma la costante attenzione al problema dei senzatetto da parte dell'amministrazione, dall'altra l'opposizione mira dritto perchè "Torino non può rimanere insensibile di fronte alle morti inaccettabili per il freddo".

A decidere i dormire in strada o nei magazzini sono in tanti, soprattutto perchè spesso dormitori e ricoveri pubblici presentano condizioni di insicurezza determinate dall'assenza delle forze dell'ordine nel presidiarli, così come l'impossibilità di essere ospitati insieme ai propri animali domestici.

"I Consiglieri e gli Assessori comunali non si sottraggano a discutere di queste questioni, che sono di vita o di morte, lo facciano in strada a contatto con la realtà, al freddo notturno - conclude Maurizio Marrone -. Chiudersi nei palazzi e nella retorica dell'inerzia non è la risposta giusta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento