Mamma rapisce il figlio e lo porta in Ucraina: condannata a cinque anni

Ma il bambino è sempre lì

Luigi 'Mimmo' Zardo gioca col figlio Erik prima che l'ex moglie glielo portasse via

La Corte d'appello di Torino ha condannato a cinque anni e due mesi di reclusione (in contumacia, visto che è irreperibile) e al pagamento di 150mila euro Tetyana Gordiyenko, moglie di Luigi 'Mimmo' Zardo, il papà di Alice Superiore che da oltre sette anni aspetta di riabbracciare il figlio Erik che lei ha portato con sé in Ucraina. L'accusa è di sottrazione internazionale di minore.

La sentenza, arrivata a inizio maggio 2019, mette fine alla vicenda (che aveva visto lui accusato e poi assolto nel 2018 dall'accusa di maltrattamenti rivoltagli dalla donna) solo dal punto di vista giudiziario, poiché l'uomo, dal 12 maggio 2012, è riuscito a incontrare il figlio (che oggi ha quasi nove anni) soltanto pochissime volte.

Zardo, 40 anni, è stato assistito nel procedimento dall'avvocato Maria Rosa D'Ursi. Una sentenza del tribunale di Ivrea del 2013 gli ha concesso l'affidamento esclusivo del bambino. Naturalmente, è sempre stata disattesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

Torna su
TorinoToday è in caricamento