Vuole tornare nella sua Basilicata, clochard "adottato" dai vigili urbani

Gli agenti lo aiuteranno a tornare a Matera, dove vive la madre. In ospedale, l’uomo ha dovuto subire l’amputazione di due dita del piede

Quando i vigili sono andati a trovarlo per intimargli di andare via, lui si trovava in piazza San Giovanni, accampato sotto il Palazzo dei lavori pubblici. La sua storia ha però avuto un lieto fine: gli uomini della polizia municipale hanno infatti deciso di “adottarlo” e ora lo stanno aiutando a tornare nella sua Basilicata.

Il protagonista di questa storia è un clochard di 58 anni che, fino all’anno scorso, lavorava come artigiano. Sfortunatamente però, i tempi duri della crisi economica lo hanno fatto finire sulla strada. Così, per quattro mesi ha condiviso il porticato del “Palazzaccio” insieme a un gruppo di pachistani. Almeno fino a quando non lo hanno trovato gli agenti.

A loro l’uomo ha detto di voler tornare a Matera, dove vive la madre. A quel punto, dalla Sezione Centro è partita una corsa di solidarietà nei suoi confronti per comprargli il biglietto del viaggio. 

Nel frattempo, l’uomo – che aveva accettato di andare a dormire nei container della Pellerina – è stato ricoverato in ospedale, dove ha subito l'amputazione di due dita del piede a causa del freddo.

Durante il ricovero i vigili gli sono stati accanto, raccogliendo tra l’altro alcuni indumenti e consegnandoglieli nell’attesa che si ristabilisca.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento