menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Massaggi hard, chiusi due centri estetici cinesi a Torino

Massaggi hard in due centri benessere cinesi. La scoperta è della guardia di finanza di Torino, che ha sequestrato i centri Giada di Moncalieri e Nirvana di via Tonale a Torino e denunciato sei persone

TORINO - All'apparenza erano centri estetici, ma all'interno i servizi offerti erano di altro genere. Stiamo parlando di due centri estetici finiti nel mirino della Guardia di Finanza per i massaggi hard fatti ai clienti, ma non solo.

I due centri benessere cinesi sono stati sequestrati: si tratta del Giada di Moncalieri e del Nirvana di via Tonale a Torino. Secondo quanto accertato il giro d'affari per ognuno era di oltre 500 mila euro l'anno grazie a "massaggi" dal costo variabile dai 50 ai 150 euro. A conclusione delle indagini sono state denunciate sei persone, tra cui tre sorelle di nazionalità cinese, che gestivano i locali, un commercialista che si occupava della regolarizzazione delle massaggiatrici hot assumendole come colf e un docente universitario di 72 anni, che promuoveva i centri con annunci sul web. Questi sono accusati, a vario titolo, di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione e dell'immigrazione clandestina e di riciclaggio dei proventi illeciti.

Le indagini che hanno portato ai sequestri e alle denunce sono partite dall'anomala movimentazione finanziaria del professore universitario, che in pochi anni ha eseguito bonifici diretti verso la Cina per circa 500 mila euro a favore di soggetti collegati ai centri benessere chiusi. In più il soggetto in questione deteneva una quota di uno dei due centri benessere.

Potrebbe interessarti


    Commenti (10)

    • Centri estetici !! ?? Chiamiamoli case chiuse !!

    • Avatar anonimo di Leonardo
      Leonardo

      Io ci sono stato recentemente in quello di corso traiano perchè avevo problemi con la schiena ed è stato ottimo come trattamento........forse perchè era la prima volta che ci andavo? Cominque ci andro' di nuovo........se penso che per questo problema ( schiena ) fossi andato da uno specialista avrei speso molto ma molto di piu,ben venga il centro massaggi.

    • Avatar anonimo di luca
      luca

      e lo stato che permete questo .... la regione piemonte a differenza del resto d'italia stava provando anche a regolarizzarli '' come centri massaggi'' come bordelli invece quelli chiusi come dice l articolo e' per l evasione fiscale .. e per il traffico di soldi non per la prostituzione... su precedenti analoghi il giudice ha assolto le cinesi e colpevolizzato i polizziotti che avevano indotto la ragazza a prostituirsi e lei era la parte lesa questa e' la legge italiana.

    • Avatar anonimo di maria
      maria

      sotto casa in c. traiano ce ne uno , nn mi sembra x niente un centro massaggi.

      • Avatar anonimo di Stefano
        Stefano

        in che punto però ? Corso traiano è lunga. non mi serve il nome ma almeno l'indicazione... vorrei indagare...grazie

        • Avatar anonimo di luca
          luca

          e che ce' da indagare come fanno le marchette!!!!!!!!

    • Avatar anonimo di Marco
      Marco

      peccato! il servizio erogato era veramente di grandissima qualitá!

    • Avatar anonimo di gl
      gl

      Tutti da controllare !!

    • Sono d'accordo, sono dei semplici"bordelli"camuffati le strade sono 2:si fanno indagini investigative&giudiziarie su larga scala e'quindi come e'accaduto x questi 2centri estetici e'scontata la chiusura&denuncie,oppure si legalizza la prostituzione domestica(gia'esistente!) o in alternativa quartieri a "luce rossa"cosi'si toglie dalle nostre strade gli spettacoli hard notturni.In questo modo si tutela lavoratrici&clienti con controlli sanitari&fiscali bisogna essere realisti&razionali basta ipocrisia moralreligiosa la domanda di sesso a pagamento c'e'sempre stata e'sempre ci sara'quindi legalizziamola come attivita'economica-professionale vedi altre realta'all'estero. Sara'un duro colpo alla criminalita'cosi'le donne che non vogliono farlo perche'costrette sfuggiranno(si spera!) dai loro sfruttatori criminali.

    • Avatar anonimo di Marinella
      Marinella

      Bene. Ne sono sorti ovunque, stesse caratteristiche, vetri opacizzati, ambienti poco luminosi. Sembrano  bunker, non certo centri estetici. dovrebbero controllarli tutti.  

    Più letti della settimana

    Torna su