Scovata una sala scommesse non autorizzata, denunciata la titolare

La donna non soltanto era sprovvista della licenza necessaria, ma operava per conto di una società straniera con sede a Malta. Dovrà pagare una sanzione di 60mila euro

Gestiva una  sala scommesse senza aver, tuttavia, richiesto l'autorizzazione necessaria. Responsabile, una cittadina italiana classe 1980, sorpresa dalla Polizia di Stato durante un controllo presso la sala scommesse "Il pianeta del gioco", sita in via Bandello.

Dai primi accertamenti, infatti, la titolare è risultata sprovvista della licenza necessaria all'esercizio dell'attività di intermediazione e raccolta scommesse, licenza che non si era mai preoccupata di richiedere.

Oltre ciò, la raccolta delle scommesse avveniva tramite una piattaforma gestita da una società straniera con sede a Malta, operazione vietata dalla legge che prevede a tal proposito che il concessionario sia italiano.

La donna non è nuova ad episodi di questo tipo. Nell'agosto 2013, infatti, le era già stata negata una licenza per la raccolta delle scommesse per dei locali siti a San Mauro in quanto l'attività esercitata sarebbe avvenuta per conto di una società austriaca.

La responsabile è stata, pertanto denunciata per aver effettuato intermediazione nella raccolta di scommesse e sanzionata per il possesso dei 6 pc presenti all'interno della sala per un importo di 60mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

Torna su
TorinoToday è in caricamento