Basse di Stura chiude ai rifiuti inerti e alle macerie da febbraio

Dal primo febbraio l'ex discarica di via Germagnano non conferirà più alcuna maceria o altri rifiuti. Le ditte dovranno rivolgersi ad altre società autorizzate per lo smaltimento

Dal 1° febbraio 2012 l’impianto Basse di Stura non accetterà più conferimenti di macerie e altri rifiuti inerti: non sarà più possibile, quindi, per le ditte che svolgono attività edili, effettuare conferimenti presso l’ex discarica di via Germagnano, a Torino.

I rifiuti inerti derivanti da demolizioni, scavi, cantieri e ristrutturazioni, infatti, venivano utilizzati da Amiat, quando la discarica era in funzione, per la costruzione e manutenzione delle strade sterrate interne all’impianto, oltre che per la copertura giornaliera dei rifiuti e la costruzione delle spalle provvisorie di contenimento delle vasche. Cessata l’attività della discarica e la prima fase di copertura finale dei rifiuti, è venuta ora meno la necessità di macerie e altri inerti.

Tutte le ditte che devono smaltire macerie, rifiuti inerti e altri rifiuti speciali si dovranno rivolgere ad una delle società autorizzate a ricevere e gestire rifiuti.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento