Basse di Stura chiude ai rifiuti inerti e alle macerie da febbraio

Dal primo febbraio l'ex discarica di via Germagnano non conferirà più alcuna maceria o altri rifiuti. Le ditte dovranno rivolgersi ad altre società autorizzate per lo smaltimento

Dal 1° febbraio 2012 l’impianto Basse di Stura non accetterà più conferimenti di macerie e altri rifiuti inerti: non sarà più possibile, quindi, per le ditte che svolgono attività edili, effettuare conferimenti presso l’ex discarica di via Germagnano, a Torino.

I rifiuti inerti derivanti da demolizioni, scavi, cantieri e ristrutturazioni, infatti, venivano utilizzati da Amiat, quando la discarica era in funzione, per la costruzione e manutenzione delle strade sterrate interne all’impianto, oltre che per la copertura giornaliera dei rifiuti e la costruzione delle spalle provvisorie di contenimento delle vasche. Cessata l’attività della discarica e la prima fase di copertura finale dei rifiuti, è venuta ora meno la necessità di macerie e altri inerti.

Tutte le ditte che devono smaltire macerie, rifiuti inerti e altri rifiuti speciali si dovranno rivolgere ad una delle società autorizzate a ricevere e gestire rifiuti.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Consultori: indirizzi e orari a Torino

  • Perde il controllo dello scooter e si schianta: morto in ospedale

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • "Intesa Sanpaolo è nuda", gli Extinction Rebellion si spogliano davanti al grattacielo

  • Perde il controllo dell'auto che si ribalta a lato della carreggiata: grave il conducente

Torna su
TorinoToday è in caricamento