Cavi-killer tesi sui sentieri del Monte San Giorgio, 4 giovanissimi hanno rischiato la vita

Secondo i frequentatori della zona non sono stati posizionati allo scopo di far male ai ciclisti, ma per altri scopi. Sono però molto pericolosi

Uno dei cavi tesi sulle pendici del Monte San Giorgio (foto da Facebook di uno dei ragazzi che hanno rischiato l'incidente)

Pericolosissimi cavi d'acciaio tesi ad altezza di bicicletta sui sentieri del Monte San Giorgio, a Piossasco.

Nel pomeriggio di lunedì 27 febbraio 2017 questi avrebbero potuto ferire in modo grave quattro ciclisti di età comprese tra 15 e 16 anni che percorrevano quei tratti in discesa con le loro moutain-bike.

I cavi, due, erano spessi circa un centimetro e sono stati evitati soltanto con una repentina manovra. Dai primi riscontri non sarebbero stati posizionati per dare fastidio ai bikers, ma per limitare l'incedere dei cinghiali verso valle oppure per trasportare il legno. Spesso, però, sono interrati e riemergono con l'indebilimento del terreno a causa delle piogge.

In ogni caso, sono estremamente pericolosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento