I rider torinesi fanno causa a Foodora: è la prima in Italia

Dopo le proteste, non furono più richiamati al lavoro

È iniziata a Torino la causa, la prima azione legale in tutta Italia, intentata da sei fattorini-rider contro Foodora, l'impresa più nota di consegna di pasti a domicilio. I giovani, dopo gli scioperi che risalgono circa a un anno fa, organizzati per protestare contro le condizioni di lavoro imposte da Foodora ai suoi dipendenti, non furono più chiamati al lavoro, nonostante avessero dato la loro disponibilità.

Per i ricorrenti si è trattato di un "licenziamento orale", di fatto illegittimo. Secondo gli avvocati che seguono il caso, Sergio Bonetto e Giulia Druetta, ogni tentativo di conciliazione con l'azienda è fallito e Foodora ha escluso per loro ogni possibilità di reintegro. 

I motivi della protesta alle origini

La diatriba tra i dipendenti e i vertici dell'azienda tedesca con varie sedi in Italia - e che a Torino conta 250 lavoratori - è nata circa un anno fa, in seguito al cambio della situazione contrattuale dei rider. Mentre inizialmente venivano pagati 5,60 euro all'ora, con l'introduzione delle nuove condizioni era stato stabilito il compenso di 2,70 euro a consegna (passato poi a 3,60 euro dopo le proteste, ndr). Una situazione evidentemente inaccettabile che sottintende un impiego a cottimo. E che ha scatenato l'ondata di scioperi e manifestazioni.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • foodora non può funzionare come una azienda con inquadramento legale! sono degli sfruttatori. Quello che non capisco è come la giustizia non faccia nulla per fermare questi sanguisughe!!! Vergogna!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Cade dal tetto durante alcuni lavori, morto operaio 34enne

  • Cronaca

    Prima litiga, poi lo ferisce con un pezzo di vetro alla gola e al torace: fermato dalla polizia

  • Cronaca

    Terremoto di magnitudo 3,3: avvertito nelle valli del Pinerolese e di Susa

  • Cronaca

    Il "no" alla richiesta di soldi le costa caro: picchiata con una mensola

I più letti della settimana

  • Non sopporta la suocera: la uccide a martellate, poi chiama i carabinieri

  • Si impicca a un albero vicino al marciapiede e ai negozi: morto 29enne

  • Lite davanti al banco della frutta: uno spinge a terra l'altro che muore

  • Morto un motociclista nello scontro frontale, due feriti tra gli occupanti di un furgone

  • Violento acquazzone: auto bloccata nel sottopasso, spostato atterraggio degli aerei

  • Il ristorante di chef Cannavacciuolo è pulito: archiviate tutte le accuse, era solo "questione di asterischi"

Torna su
TorinoToday è in caricamento