Il Castello di Moncalieri in affitto a 1000 euro al mese: il bando del ministero

Poco più di 12.000 euro l'anno per prendere in affitto il castello sulla collina a sud di Torino. Ecco come fare

Licenza Creative Commons

900 ANNI DI STORIA

La storia di questo maniero, che i torinesi sono abituati a riconoscere fin dall’autostrada che collega Torino al mare, è lunga quasi mille anni, densi di avvenimenti storici e di intrecci leggendari. Fu fatto costruire intorno all’anno 1100 da Tommaso I di Savoia: l’obiettivo era disporre di un massiccio fortilizio per controllare l’accesso da sud a Torino su questa collina, che domina il passaggio sul Po e che costituisce l’accesso a Torino sulla via di Asti, come Rivoli lo è dalla via di Francia.

Nella seconda metà del Quattrocento, l’edificio fu scelto come dimora ducale da Jolanda di Valois, moglie di Amedeo IX; nel 1475 vi fu stipulato il trattato di Moncalieri tra la duchessa, Carlo il Temerario, duca di Borgogna, e Galeazzo Maria Sforza, duca di Milano. Nel 1610 iniziarono poi i lavori di ampliamento dell’antico maniero, voluti da Carlo Emanuele I e proseguiti con Vittorio Amedeo I e con Madama Cristina: fu in quel periodo che il castello assunse la configurazione moderna, con i torrioni quadrangolari che hanno inglobato nella facciata le torri circolari originarie.

Nel Settecento il castello divenne poi la residenza preferita di Vittorio Amedeo II, il duca che fece realizzare il forte di Fenestrelle e che sulla collina torinese aveva, secondo il gossip dell’epoca, un’altra casa segreta per gli incontri con la sua amante. Soprannominato “la Volpe Savoiarda” e famoso per l'invenzione dei grissini, nel 1728 abdicò per motivi di salute in favore del figlio Carlo Emanuele III: questi fece rinchiudere il padre nel castello di Moncalieri fino alla morte avvenuta nel 1732.

A fine Settecento l’invasione e l’occupazione francese a Torino trasformarono il castello in ospedale, caserma, carcere e anche cimitero, poi nel 1817, sotto Vittorio Emanuele I, si intrapresero le operazioni di restauro: furono allora realizzati lo scalone a tre rampe in marmo di Carrara e la cavallerizza in fondo al cortile principale, la più grande delle residenze sabaude; in questo periodo Carlo Alberto trasferì al Castello la residenza reale. Il 20 novembre 1849 fu poi firmato da Vittorio Emanuele II il Proclama di Moncalieri, controfirmato dal presidente del consiglio Massimo d’Azeglio, con cui il re scioglieva la Camera dei Deputati e faceva approvare alla nuova Camera il trattato di pace con l’Austria.

Il Castello di Moncalieri ebbe un ruolo importante anche durante la seconda guerra mondiale, quando fu occupato prima dai nazi-fascisti, poi dai partigiani e infine dagli sfollati, finché nel 1948 il complesso diventò sede del I Battaglione Carabinieri “Piemonte”.

Castello_di_Moncalieri 1711-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il castello in una stampa del 1711

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Colto da raptus, devasta il dehor del bar con un bastone: panico tra i turisti

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Mezzi pubblici: quattro ore di sciopero in arrivo, disagi per gli utenti

Torna su
TorinoToday è in caricamento