Caso Aiazzone, la Procura di Torino apre un'inchiesta

La catena di mobilifici avrebbe venduto mobili che non sarebbero mai arrivati ai cittadini. La procura di Torino sta acquisendo informazioni su tutta la vicenda: il reato ipotizzato è quello di insolvenza

Negli ultimi giorni è scoppiato inaspettato in tutta Italia un vero e proprio caso Aiazzone. La procura di Torino ha deciso di aprire un'inchiesta su uno dei più famosi mobilifici italiani. La catena di mobilifici, a quanto si apprende, avrebbe venduto mobili che non sarebbero mai arrivati ai cittadini.

La procura di Torino sta acquisendo in questi giorni informazioni su tutta la vicenda: il reato ipotizzato è quello di insolvenza. Al Palazzo di Giustizia del capoluogo torinese sono arrivate diverse denunce in queste ultime settimane.

Sempre secondo le indiscrezioni, a causare i problemi del noto marchio di mobilifici sarebbe stata la precedente gestione. Oltre  alla mancata consegna dei mobili, per cui non ci sono a oggi delle spiegazioni ufficiali, si aggiungono a quelle dei clienti le voci dei dipendenti del noto marchio che pare da mesi non percepiscano lo stipendio; sono circa 850 persone impiegate in 43 punti vendita in tutta Italia.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mini in corsia d'emergenza esplode dopo essere urtata da un'altra auto: morti padre e figlia

  • Frontale fra due automobili: un uomo è morto, cinque persone ferite

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Motociclista perde la vita dopo lo scontro con una macchina

Torna su
TorinoToday è in caricamento