La vecchia villa abbandonata di via Crea in mano ai topi e ai disperati

Le cascine presenti tra via Crea e strada Antica di Grugliasco sono diventate la nuova casa di alcuni senzatetto. Tra i locali è possibile trovare pneumatici, barattoli di vernice e le solite immancabili macerie edili

Un tempo era la villa degli Armano, una ricca famiglia di Grosso Villanova di Mathi. Ora è un luogo abbandonato in mano a decine di disperati, centinaia di topi e valanghe di rifiuti. Siamo in via Crea e strada Antica di Grugliasco dove la mano dell’uomo – a ben guardare - è soltanto più un lontanissimo ricordo. Quasi tutte le cascine presenti a due passi dalla strada cadono a pezzi. Dentro oltre alla solita spazzatura è possibile trovare numerosi barattoli di vernice, macerie edili e montagne di pneumatici.

Tutti abbandonati i locali. Le stanze che hanno ancora un tetto vengono occupate saltuariamente dai nomadi o dai senzatetto della zona che utilizzano le finestre proprio come se fossero delle porte. Ma disperati a parte sono pochi i coraggiosi che osano avventurarsi dentro quel vecchio complesso settecentesco. Qualche anima viva si vede durante le ore del giorno. Sono per lo più anziani provenienti da Mirafiori Nord o dal quartiere Borgata Lesna. Si recano nei pressi della cascina per portare il pane ai topi in modo che non mangino le crocchette e i bocconi di carne dei gatti randagi. A forza di riempirli di cibo, però, i ratti sono aumentati a vista d’occhio.

Mentre la riqualificazione del vecchio rudere rimane un sogno che difficilmente si trasformerà in realtà. "E’ un peccato che nessuno voglia rimettere a posto quel caseggiato – raccontano gli anziani della zona -. Lasciarlo in balia del degrado è una scelta che proprio non condividiamo". Ma a preoccupare è anche il viavai dei gatti e dei topi. "Bisogna catturare tutti i gatti e portarli via da quella villa – spiegano alcune delle persone che portano da mangiare ai felini -. Successivamente qualcuno dovrà occuparsi dei topi che stanno proliferando senza freni. Senza un intervento la situazione è destinata a peggiorare". Problemi che al momento non hanno trovato ancora alcuna risposta. Le associazioni di volontariato e i comuni di Torino e Grugliasco stanno, infatti, continuando ad ignorare i numerosi appelli di chi vorrebbe riportare la villa ai suoi antichi fasti.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uccide la madre a coltellate e poi si toglie la vita gettandosi dal nono piano

  • CAAF Cisl a Torino: sedi, orari, informazioni

  • CAAF Cgil a Torino: sedi, orari, informazioni

  • Il piccolo Riccardo non ce l'ha fatta: è morto 36 giorni dopo il terribile incidente in casa

  • Investe una donna sulle strisce con lo scooter e cade: centauro morto in ospedale

  • Il coronavirus si porta via il mago della scientifica a soli 60 anni: polizia in lutto

Torna su
TorinoToday è in caricamento