Cane da guardia sventa il furto in casa, i banditi lo accoltellano

Ma anche loro restano feriti

Le tracce di sangue dovute alle ferite riportate dal cane ma anche dai rapinatori

Rapinano un'abitazione ma vengono messi in fuga dal cane da guardia, che ferisce qualcuno di loro, e colpiscono con due fendenti anche l'animale.

E' quanto accaduto la notte di sabato 3 marzo 2018 in una villetta alla periferia di Vische. La protagonista dell'accaduto è Yaska, una splendida femmina di pastore tedesco che, quando ha visto i malviventi, ha fatto il suo lavoro e ha cercato di allontanarli. E ci è riuscita, visto che almeno da quella casa non hanno portato via nulla.

I malviventi, sanguinanti, sono fuggiti ma hanno inflitto due coltellate (con una piccola arma) all'animale ferendolo in modo lieve.

A casa della famiglia sono state trovate numerose tracce di sangue, quasi certamente tutte dei malviventi (visto che alcune erano anche sulla maniglia della porta d'ingresso). 

Yaska, invece, è già tornato al suo lavoro di cane da guardia.

Nella stessa notte a Vische sono state colpite altre dieci abitazioni. Sui casi sono in corso le indagini dei carabinieri.

Qui sotto Yaska insieme al suo padrone, Alessandro Acotto.

acotto-alessandro+cane-yaska-180303-2

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

Torna su
TorinoToday è in caricamento