Botte e vessazioni a moglie e figli "troppo occidentali": condannato

Ma ha continuato a perseguitarli

immagine di repertorio

Per anni avrebbe vietato a moglie e figli di vivere e vestire all'occidentale: un 60enne marocchino residente a Banchette è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione (pena sospesa per la condizionale) e a una provvisionale di 15mila euro da pagare ai familiari dal tribunale di Ivrea. La sentenza è stata pronunciata mercoledì 14 febbraio 2018 dal giudice monocratico Elena Stoppini.

Durante il dibattimento i due figli, un maschio e una femmina, avevano raccontato come l'uomo, difeso in aula dall'avvocato Gianluca Cravero, si fosse infuriato quando scoprì che si erano iscritti a Facebook. Non voleva, inoltre, che i due indossassero jeans e magliette. E per ripicca, costringeva loro (e anche la consorte) a lavarsi senz'acqua calda anche in inverno, li costringeva a stare senza corrente e aveva impedito loro l'accesso alla caldaia e l'uso della lavatrice. Non mancavano, inoltre, gli episodi di violenza fisica nei confronti di tutti e tre.

Tutto sembrava concluso nell'agosto 2013 quando le forze dell'ordine intervenirono in casa in seguito all'ennesima intemperanza del padre padrone, che iniziò a spaccare tutti i piatti. I tre vennero portati in una comunità protetta. Ma l'uomo riuscì a trovarli e anche lì iniziarono le persecuzioni, tant'è che ora sta per iniziare un nuovo processo nei suoi confronti.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambini investiti da un’auto: 3 finiscono in ospedale

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Trasporto pubblico locale, domani tram e bus si fermano per 4 ore

  • Tempo libero, cosa fare a Torino e dintorni sabato 12 e domenica 13 ottobre

  • Dal Torinese, il denaro veniva "ripulito" dopo un giro per il mondo: fratelli imprenditori nei guai

  • Nel garage nascosta la merce del noto supermercato: un denunciato

Torna su
TorinoToday è in caricamento