Sbarca all'aeroporto con una borsa di varano (compresi testa e zampe): rischia 15mila euro di multa

"È un ricordo del viaggio"

La borsa di varano sequestrata all'aeroporto di Torino Caselle

Un italiano di 40anni è stato fermato dalla guardia di finanza all'aeroporto Pertini di Torino Caselle a metà giugno 2019: nel suo bagaglio aveva nascosta una borsa di varano, uno dei più grandi rettili esistenti in natura. L'uomo, un romeno residente a Rivalta di Torino, proveniva dal Niger e aveva fatto scalo a Roma.

In seguito agli accertamenti tecnici eseguiti, la borsa è risultata essere composta da pellame, compresi testa e arti, del rettile africano. A detta dell’uomo, era un 'ricordo' di un periodo di soggiorno trascorso in Niger. Adesso rischia una multa fino a 15mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento