← Tutte le segnalazioni

Disservizi

Emergenza clochard, l'appello disperato di un senzatetto

Redazione

Via Po · Centro

Anche ai senza setto è possibile rubare qualcosa. E' quello che è successo a Gerry, un clochard privato del suo unico bene: il suo materasso, rubato da qualcuno che Gerry, senza mezzi termini, definisce "una carogna".

Nel suo giaciglio, sotto i portici della centralissima via Po, solo un paio di coperte pesanti e qualche cartone per ripararsi dal freddo di queste notti. E l'appello, scritto grossolanamente sulla piglia del portico, affinchè, nella sua breve assenza per pranzare al Cottolengo, non gli venga rubato anche quello.

Una situazione drammatica quella dei senza tetto, cresciuta a livello esponenziale, tanto da non limitarsi alla periferia o ai quartieri più malfamati, ma tale da raggiungere addirittura il centro cittadino.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Forse il letame lo hai nella tua testa. Leggi bene il cartello scritto dal clochard. Magari un giorno, portando a spasso il cane fermati a riflettere. In una citta' civile non e' possibile vedere gente che dorme per le strade e vedere cani con il cappottino. Rifletti su queste parole.

  • Che schifo di città, sono piu' importanti i cani !!!

Segnalazioni popolari

Torna su
TorinoToday è in caricamento