Crack dell'azienda con un buco di 38 milioni: dieci indagati, c'è anche il presidente calciofilo

Accusati di bancarotta fraudolenta

La vecchia TecSinter di via Novara a Ivrea

Dieci persone sono indagate dalla procura di Torino per il fallimento della Nuova Sinter (ex TecSinter e Dytech Sinter) di via Novara a San Bernardo d'Ivrea, che produceva sinterizzato per auto fino all'ottobre del 2014, quando chiuse definitivamente.

Il pm Mario Bendoni ha inviato gli avvisi di conclusione delle indagini ipotizzando una bancarotta fradolenta da 38 milioni di euro.

Tra gli indagati c'è Giuliano Zucco, ex presidente dell'Ivrea Calcio che sotto la sua guida arrivò fino in serie C e che era anche presidente e amministratore delegato dell'azienda.

L'inchiesta è partita dalla segnalazione del curatore fallimentare dell’azienda. In particolare, la lente degli investigatori si è concentrata sull'acquisizione della Gm Sinter, una ditta con pesanti passivi (che la nuova Sinter di accollò). Tale operazione avrebbe provocato o comunque aggravato la difficile situazione finanziaria del gruppo.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • Funghi, come raccoglierli in sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento