Crack dell'azienda con un buco di 38 milioni: dieci indagati, c'è anche il presidente calciofilo

Accusati di bancarotta fraudolenta

La vecchia TecSinter di via Novara a Ivrea

Dieci persone sono indagate dalla procura di Torino per il fallimento della Nuova Sinter (ex TecSinter e Dytech Sinter) di via Novara a San Bernardo d'Ivrea, che produceva sinterizzato per auto fino all'ottobre del 2014, quando chiuse definitivamente.

Il pm Mario Bendoni ha inviato gli avvisi di conclusione delle indagini ipotizzando una bancarotta fradolenta da 38 milioni di euro.

Tra gli indagati c'è Giuliano Zucco, ex presidente dell'Ivrea Calcio che sotto la sua guida arrivò fino in serie C e che era anche presidente e amministratore delegato dell'azienda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta è partita dalla segnalazione del curatore fallimentare dell’azienda. In particolare, la lente degli investigatori si è concentrata sull'acquisizione della Gm Sinter, una ditta con pesanti passivi (che la nuova Sinter di accollò). Tale operazione avrebbe provocato o comunque aggravato la difficile situazione finanziaria del gruppo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

  • Allarme in casa: bambino di 10 anni gravemente ustionato mentre fa un esperimento per la scuola

Torna su
TorinoToday è in caricamento