Muore a 9 anni per un guasto alla centrale dell'ossigeno

Il bambino deceduto era giunto in Italia insieme ai genitori dal Venezuela per sottoporsi a un trapianto di midollo osseo. Il Procuratore di Torino, Raffaele Guariniello, coordina le indagini

Un guasto alla centrale di distribuzione dell'ossigeno è costato la vita a un bambino di 9 anni ricoverato all'Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino. Sono sei i bambini coinvolti nell'incidente. Cinque di loro stanno bene e non si sono accorti del problema nella distribuzione dell'ossigeno. Il bambino deceduto avrebbe invece respirato ossigeno puro al cento per cento: letali le conseguenze.

Il bambino deceduto era giunto in Italia insieme ai genitori dal Venezuela per sottoporsi a un trapianto di midollo osseo. Era in cura da due anni per una forma di patologia oncologica ed era arrivato all'pspedale torinese grazie a una collaborazione con il Venezuela per la cura dei bambini sudamericani. Il trapianto era stato effettuato con successo e il piccolo era stato trasferito nel reparto Rianimazione-Terapia intensiva da una ventina di giorni. Le sue condizioni di salute erano già gravissime.

Il problema alla centrale dell'ossigeno (dove erano in corso dei lavori) è durato un paio di minuti. A far scattare l'emergenza sono stati sia il sistema d'allarme della rete di distribuzione dell'ossigeno, sia i macchinari che segnalano il livello di ossigeno nel sangue che, in questo caso, hanno segnalato la riduzione di ossigeno nel sangue del bambino venezuelano poi deceduto. Il personale in servizio si è accorto subito del problema ed è intervenuto immediatamente, ma non 'è stato nulla da  fare.

Il Procuratore aggiunto di Torino, Raffaele Guariniello, coordina le indagini sulla morte del bimbo. E' stato efffettuato un sopralluogo immediato sul posto da Guariniello e dai Carabinieri dei Nas. Il Regina Margherita ha già preparato una relazione che è stata inviata al pm Guariniello, al Direttore Regionale della Sanità, Paolo Monferino, e al Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota. Tutto il materiale che è stato e sarà raccolto - hanno assicurato dalla Regione - sarà messo a disposizione della Procura per fare chiarezza sull'incidente.

(ANSA)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento