Case popolari, la Regione rimborsa ristrutturazioni fino a 15mila euro

Saranno 297 gli appartamenti di edilizia popolare ammessi al programma "auto recupero" della Regione Piemonte. I dati sono stati esposti da parte dell'assessore alla Casa, Augusto Ferrari.

Sono 297 gli appartamenti ammessi al programma di "auto recupero" della Regione sotto i 15mila euro, attraverso il quale gli assegnatari di edilizia popolare potranno ristrutturare la propria abitazione con il rimborso da parte dell’ente e 468 quelli al di sopra di tale soglia. I dati sono stati esposti in seconda commissione, presidente Nadia Conticelli, nella seduta di oggi da parte dell’assessore alla Casa, Augusto Ferrari. Oltre all’informativa in merito al programma di recupero e razionalizzazione degli immobili e degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, l’assessore ha anche relazionato riguardo la revisione della normativa regionale in materia di edilizia sociale.

Nello specifico, per gli interventi di ripristino degli alloggi di risulta di minore entità, i funzionari hanno spiegato che "è possibile procedere con determinazione dirigenziale a dichiarare l’ammissibilità per 297 alloggi i cui costi complessivi di recupero ammontano a 3.160.507 euro".

La non ammissibilità riguarda 18 alloggi di cui 15 in quanto ubicati in Comuni non previsti dall’avviso regionale e 3 in quanto realizzati nell’ultimo decennio. Le richieste pervenute sono dunque inferiori alle risorse ripartite in favore del Piemonte con il decreto interministeriale del 16 marzo 2015, genererebbero un’economia di 2.134519,40 euro.

Per gli interventi di ripristino degli alloggi di risulta con costi per unità abitativa superiori a 15mila euro e per gli interventi di manutenzione straordinaria o recupero degli edifici  l’ammissibilità può essere dichiarata per 468 interventi (247 alloggi e 221 immobili) i cui costi di recupero ammontano a 76.541.404,14 euro.

La non ammissibilità 7 riguarda 58 interventi in quanto ubicati in Comuni non previsti dall’avviso regionale e 25 immobili a causa della presenza di alloggi occupati senza titolo. In questo caso le richieste sono nettamente superiori alle risorse ripartite, per soddisfare integralmente le domande sarebbero necessari ulteriori 46 milioni di euro.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Velocità rilevata con autovelox e telelaser: le vie interessate dai possibili controlli

  • Emergenza smog, tornano le limitazioni strutturali dopo la giornata di sciopero

  • Imprigionato nei meccanismi di una mietitrebbia: tragica morte di un agronomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento