Dal Po affiora un’auto, nessuno all’interno: il recupero

Una Fiat 500L scura è stata ripescata questa mattina dai vigili del fuoco

Il ripescaggio della 500L

Anche i sommozzatori sono intervenuti, ma non risulterebbe esserci alcuna presenza a bordo della Fiat 500L ripescata questa mattina dai vigili del fuoco. La macchina è stata vista da diversi testimoni mentre si inabissava nel Po, nella zona del Valentino.

Sul posto, all'incrocio tra corso Moncalieri e via Aspromonte, sono intervenuti oltre ai vigili del fuoco anche la polizia locale e la polizia di Stato. Il veicolo risulta intestata ad un’azienda.

All’interno dell’abitacolo del veicolo i vigili del fuoco, giunti con la squadra dei sommozzatori e la barca, non hanno trovato nessuno. 

La vettura appartiene a una società di autonoleggio. Le indagini della polizia locale hanno permesso di risalire alla donna, una torinese di 33 anni, che aveva affittato il veicolo e che ieri sera lo aveva parcheggiato in corso Moncalieri, evidentemente senza assicurarlo con il freno a mano. E' stata multata di 41 euro per l'abbandono incauto dell'auto e dovrà ovviamente risarcire la società qualora la circostanza non sia coperta dall'assicurazione.

Potrebbe interessarti

  • Sagre, feste e prodotti tipici: 6 appuntamenti da non perdere a luglio

  • Sei bersagliato dalle punture di zanzara? Sette motivi per cui preferiscono proprio te

  • Come difendersi dai ladri d'appartamento in estate

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

I più letti della settimana

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Paura in paese: auto esplode pochi secondi dopo essere stata parcheggiata

  • Tragedia nel condominio, uomo si toglie la vita gettandosi dal balcone  

  • Terribile scontro fra due veicoli: morto un papà, due feriti

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Detrito come un proiettile trapassa un'auto da parte a parte: conducente illeso per miracolo

Torna su
TorinoToday è in caricamento