Asl sempre più smart: un'app per orientarsi negli ambulatori

Distretto2Facile è un'applicazione per smartphone nata da una collaborazione fra Csi e l'incubatore di start up del Politecnico di Torino. L'innovazione entra anche nel settore pubblico

Orientarsi nelle strutture sanitarie sta diventando sempre più smart. Alla segnaletica tradizionale si affianca quella virtuale, grazie ad un'app sviluppata dalla società Tonic Minds. Il funzionamento è semplice: si scarica gratuitamente l'applicazione Distretto2Facile, si inquadrano con la fotocamera le tag presenti sul pavimento, si segue la freccia che appare sullo schermo fino allo specialista o al reparto di destinazione. 

L'iniziativa è presente per ora solo nel centro polifunzionale Distretto 2 dell'Asl TO1, ma ci sono buone possibilità che il metodo venga esportato. Il progetto è stato sviluppato grazie alla collaborazione fra CSI Piemonte e I3P, l'incubatore di start-up del Politecnico di Torino. Fra le opzioni accessorie dell'app, anche la mappa completa della struttura e l'accessibilità ai disabili. Chi non ha uno smartphone, potrà chiedere aiuto ad alcuni volontari del Forum del Volontariato, muniti di telefonini di ultima generazione. 

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
“L’ASL TO1 ha aderito alla sperimentazione per le elevate potenzialità che la nuova tecnologia permette di realizzare, al fine di rendere facilmente fruibili i servizi sanitari erogati " dice Giovanna Briccarello, Direttore Generale dell'Asl TO1, pensando già a nuove applicazioni smart per il progetto Prevenzione Serena, di supporto alle persone con disabilità motorie. 
 
Marco Cantamessa, Presidente di I3P, auspica il diffondersi del procurement pubblico nel settore dell'innovazione: “Siamo convinti che le start up italiane stiano sviluppando soluzioni tecnologicamente evolute e che possono portare significativi vantaggi per  le imprese e le pubbliche amministrazioni che sceglieranno di adottarle. Purtroppo però non è  sempre facile superare le barriere e le inerzie che separano le start up dal mercato". E conclude: "Si tratta per ora di un progetto pilota, che auspichiamo possa preludere a una rapida diffusione."

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento