In tre litigano per un assegno, uno spara un colpo: arrestato

Un operaio di 48 anni, di None, in provincia di Torino, è stato arrestato ieri dai carabinieri per aver sparato contro due commercianti al termine di un'accesa discussione per un assegno

Una lite per un assegno venerdì degenera fino al punto che viene esploso un colpo di pistola. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito.

Un operaio di 48 anni, di None,
in provincia di Torino, è stato arrestato ieri dai carabinieri per aver sparato contro due commercianti. L'uomo arrestato, Rocco L., adesso deve rispondere dell'accusa di tentato omicidio. I due commercianti coinvolit nella lite, rispettivamente di 37 e 55 anni, sono stati invece denunciati in stato di libertà per favoreggiamento: dopo aver disarmato senza troppi problemi l'aggressore, avrebbero cercato di far sparire l'arma.

L'assegno al centro del diverbio
sarebbe stato incassato prima del periodo pattuito. I tre uomini hanno così deciso di incontrarsi per chiarire il tutto. Dalle parole si è presto passati allo scontro fisico.

All'arrivo dei carabinieri, i tre hanno prima negato, poi confessato quello che era successo. Nel sacco in cui è stata trovata la pistola i militari hanno trovato anche un fucile a canne mozze risultato rubato ad Alba nel 1998.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • Ogni giorno portava la sua fidanzata lungo la provinciale per farla prostituire: arrestato

Torna su
TorinoToday è in caricamento