Trofarello: odiava i suoi vicini, arrestato per stalking

Aveva creato un clima di terrore che teneva in scacco la via da 8 anni. Lanci di acqua e pietre, urla, insulti, torture psicologiche hanno portato all'arresto

Illuminava ogni sera, da 8 anni, la finestra di una vicina, per impedirle di dormire. Vietava ad anziani e bambini di passeggiare in strada, e sparava radio e tv a tutto volume dalle 7 di mattina. Bersagliava i suoi vicini con acqua e pietre. Il peggior vicino immaginabile è stato arrestato per stalking, in via Umberto I a Trofarello, in seguito alle denunce esasperate delle sue vittime.

Giampaolo B, 41 anni, è stato più volte redarguito dai carabinieri, rimanendo refrattario a minacce di punizioni penali, ammonimenti, e al divieto di abitare a Trofarello. Il reato di stalking è giustificato dalle conseguenze che il suo comportamento ha avuto sulla vita dei vicini, che hanno dovuto cambiare abitudini di vita per ridurre al minimo gli attriti con lui.

Il clima nell'area era diventato intollerabile: la gente è stata costretta a vivere con le finestre chiuse anche d'estate, e subire insulti e aggressioni arbitrarie da parte dell'uomo. Non essendo al riparo nemmeno sul proprio terrazzo - dove si veniva facilmente raggiunti da minacce e urla - gli abitanti di via Umberto I hanno vissuto per anni in uno stato di terrore. Ora finalmente finito. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

Torna su
TorinoToday è in caricamento