Ignora l'alt dei carabinieri: "Ero in ritardo ad un colloquio di lavoro"

Dopo aver sorpassato la pattuglia dell'Arma è sfrecciato via fino a raggiungere i 140 km/h in un tratto di strada che ne consetiva solo 70. Il 25enne, fermato, è stato arrestato

"Non mi sono fermato all'alt dei carabinieri perchè ero in ritardo ad un colloquio di lavoro". Queste le giustificazioni rilasciate dal ragazzo 25enne che ieri aveva cercato di sfuggire ad una pattuglia di carabinieri, sfrecciando indifferente sulla sua Peugeot 206.

Il ragazzo aveva appena compiuto un sorpasso azzardato alla pattuglia dell'Arma, sulla provinciale di Scarmagno, in prossimità del comprensorio della ex Olivetti. Un sorpasso che ha indotto i carabinieri ad inserire la sirena e ad inseguire il trasgressore, intimandogli con paletta di arrestare la sua corsa. Una corsa che, invece, è proseguita fino a 140 km/h in un tratto dove il limite massimo è fissato a 70. Dopo rapide manovre, rientri pericolosi e brusche frenate, rischiando ripetutamente di sbattersi contro i veicoli che provenivano dal senso opposto, il 25enne ha deciso bene di fermarsi nella piazza centrale di Foglizzo.

Ai carabinieri avrebbe detto che era diretto ad un colloquio di lavoro e che, già in ritardo, non poteva assolutamente fermarsi. Gli agenti l'hanno arrestato per resistenza a pubblico ufficiale, ritirandogli la patente e contestandogli diverse sanzioni del codice della strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo un giornata di sciopero: possibili disagi

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Le "soffia" il parcheggio e lui scende dall'auto, la insulta e le stringe il collo

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

Torna su
TorinoToday è in caricamento