Va in tribunale per essere processato, ma viene arrestato nei corridoi

Mentre si trovava agli arresti domiciliari in attesa del processo per il reato di ricettazione era fuggito per compiere un furto. Il pm ha così chiesto e ottenuto l'aggravamento della custodia cautelare: cioè il carcere

Un cittadino romeno questa mattina è stato arrestato nei corridoi del Palazzo di Giustizia torinese, sede in cui si era recato per affrontare un processo a suo carico per il reato di ricettazione.

L'imputato non ha fatto in tempo nemmeno ad entrare in aula, che i carabinieri si sono avvicinati a lui e lo hanno ammanettato. L'arresto è scattato perché mentre si trovava ai domiciliari per la ricettazione di una Bmw, ha lasciato l'alloggio per compiere un furto. Il pubblico ministero Andrea Padalino aveva quindi chiesto, ed ottenuto, l'aggravamento della custodia cautelare: cioè il carcere.

Subito dopo l'arresto è stato processato per ricettazione e condannato ad un anno e dieci mesi di carcere.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento