Va in tribunale per essere processato, ma viene arrestato nei corridoi

Mentre si trovava agli arresti domiciliari in attesa del processo per il reato di ricettazione era fuggito per compiere un furto. Il pm ha così chiesto e ottenuto l'aggravamento della custodia cautelare: cioè il carcere

Un cittadino romeno questa mattina è stato arrestato nei corridoi del Palazzo di Giustizia torinese, sede in cui si era recato per affrontare un processo a suo carico per il reato di ricettazione.

L'imputato non ha fatto in tempo nemmeno ad entrare in aula, che i carabinieri si sono avvicinati a lui e lo hanno ammanettato. L'arresto è scattato perché mentre si trovava ai domiciliari per la ricettazione di una Bmw, ha lasciato l'alloggio per compiere un furto. Il pubblico ministero Andrea Padalino aveva quindi chiesto, ed ottenuto, l'aggravamento della custodia cautelare: cioè il carcere.

Subito dopo l'arresto è stato processato per ricettazione e condannato ad un anno e dieci mesi di carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento