Va a combattere l'Isis in Siria, al ritorno si costituisce e va in carcere

Per scontri con poliziotta ferita

Paolo Andolina (foto da Facebook del centro sociale Askatasuna)

Paolo Andolina detto Pachino, 30 anni, si è costituito nella mattinata di oggi, lunedì 12 novembre 2018, in questura ed è stato portato nel carcere delle Vallette.

A renderlo noto è il centro sociale Askatasuna, di cui l'uomo è un componente, precisando che la procura di Torino aveva emanato un mandato di arresto perché a marzo 2018 si era sottratto alla misura cautelare dell'obbligo di firma quotidiano per poter tornare in Siria del Nord a sostenere la rivoluzione confederale.

La misura cautelare era stata originariamente adottata dopo le indagini della Digos sugli incidenti del 31 dicembre 2017 proprio davanti al carcere. In quell'occasione rimase gravemente ferita una poliziotta della scientifica. Per quell'episodio sono state eseguite altre misure cautelari.

"In Siria - scrive Askatasuna - Paolo ha fatto parte delle Ypg, impegnate in questi mesi a combattere per liberare le ultime sacche occupate dal califfato dell'Isis. Combattere, sostenere la rivoluzione in Siria del Nord, mettere a rischio la propria vita sapendo di dover affrontare il carcere al ritorno: il gesto di Paolo è quello di chi sente la responsabilità dare un contributo in prima persona a una lotta per tutte e tutti. Di fronte a tanta umanità, la magistratura non ha saputo far altro che incarcerare. Non ci stupisce che non ne colgano il valore. Nei prossimi giorni il tribunale si pronuncerà sulla richiesta dell'avvocato di Paolo di ottenere gli arresti domiciliari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Andolina era anche sottoposto a osservazione da parte delle forze dell'ordine proprio per la sua attività paramilitare all'estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento