Colpo di scena in aula: perseguita ancora la ex, il giudice fa arrestare l'imputato

Si tratta di un avvocato

immagine di repertorio

Non avrebbe rispettato il divieto di avvicinamento all'ex convivente, continuando a importunarla con centinaia di messaggi, e-mail e telefonate. Per questa ragione nella mattinata di ieri, martedì 26 febbraio 2019, un avvocato civilista 45enne di Napoli è stato arrestato dalla polizia locale mentre, in un'aula del tribunale di Torino, era in corso la prima udienza del processo che lo vede imputato per maltrattamenti in famiglia nei confronti della donna, torinese, e della loro figlia minorenne. È stato proprio il giudice, su proposta del pubblico ministero, a disporre il provvedimento d'arresto prima che la seduta si concludesse.

Secondo l'accusa l'uomo, assistito agli avvocati Stefania Grazini di Torino e Massimo Lanfranco di Torre Annunziata, nel corso del 2018 avrebbe picchiato più volte la ex compagna davanti alla figlia. Inoltre, non avrebbe lasciato uscire di casa la donna e le avrebbe impedito anche di aprire le finestre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento