Non c'è pace per il capo ultrà della Juve: arrestato perché "intermediario nel traffico di droga"

Si era trasferito da un anno

Andrea Puntorno (foto pubblicata dal sito della trasmissione Report di Rai3)

Andrea Puntorno, 42 anni, storico leader dei Bravi Ragazzi, gruppo organizzato della tifoseria della Juventus, è stato arrestato nella notte di oggi, lunedì 4 marzo 2019 ad Agrigento, dove era andato ad abitare da circa un anno.

La direzione distrettuale antimafia di Palermo, che ha spiccato per lui un mandato d'arresto insieme a una trentina di persone, ritiene che sia un intermediario per il traffico di droga tra le famiglie criminali calabresi di Vibo Valentia e quelle di clan mafiosi di Agrigento

Puntorno, che attualmente gestisce un bar in Sicilia, è finito nei guai a Torino prima per un'indagine per droga e poi in quella sul bagarinaggio di biglietti allo Juventus Stadium. Nei suoi confronti era stata anche disposta una confisca da 500mila euro e la misura della sorveglianza speciale perché ritenuto dai giudici torinesi “socialmente pericoloso”.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • Funghi, come raccoglierli in sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

Torna su
TorinoToday è in caricamento