Morì cadendo nel Po, il suo corpo identificato dopo 14 anni

Il corpo di Andrea Villani, 40 anni, venne ripescato il 2 giugno 2002. Un tatuaggio ora gli ha dato un nome

Andrea Villani

Il 2 giugno 2002 Andrea Villani, 40enne, venne trovato morto annegato nelle acque del Po all'altezza di lungopo Antonelli 53. Nessuno, però, aveva capito che fosse lui.

Dopo 13 anni in cui la salma è stata sepolta al cimitero Parco (era in pessimo stato, quasi irriconoscibile), nel maggio 2015 il corpo era stato riesumato e gli uomini della polizia scientifica sono riusciti a intravedere un tatuaggio che raffigura un lupo che ulula guardando la luna. Questo corrispondeva alla denuncia presentata dai parenti dello scomparso.

Il successivo prelievo di un molare dal corpo ha permesso, nei giorni scorsi, di ottenere un'identificazione certa comparandone il dna con quello di un familiare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora quel corpo ha un nome e la famiglia una tomba su cui piangerlo. Le cause della morte sono dovute a una caduta accidentale nel fiume. La famiglia di Andrea Villano ha chiuso definitivamente un tragico capitolo, che sarebbe rimasto ancor più doloroso, senza la parola fine.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Tragedia in farmacia: stramazza a terra mentre è in attesa di comprare le medicine

Torna su
TorinoToday è in caricamento