Contestazioni durante il corteo di Forza Nuova, 62 identificati

La polizia ha evitato i contatti tra i due gruppi

Foto di Paolo Alessandrini

Alcuni militanti di Forza Nuova nella serata di martedì 5 febbraio sono scesi in strada, in corso Principe Oddone angolo Lungo Dora Agrigento, per protestare contro la mafia nigeriana.

I militanti, durante il presidio, hanno esposto uno striscione con su scritto: "Basta mafia nigeriana - Basta cannibalismo". La protesta è stata contestata da alcuni anarchici e antagonisti che hanno intonato cori contro i militanti di Forza Nuova e improvvisato un corteo che è sfociato in piazza Baldissera

I due gruppi non sono mai venuti in contatto grazie alle azioni di sbarramento contenimento dei poliziotti che hanno impedito agli antagonisti di aggirare lo schieramento e raggiungere i partecipati al presidio. Nel corso della manifestazione il personale della Digos ha identificato complessivamente 62 antagonisti e anarchici tra cui alcuni aderenti al centro sociale Askatasuna e allo Spazio Popolare Neruda ed anarchici riconducibili all’Asilo occupato di via Alessandria 12.
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento