Amianto alla scuola "Gramsci" di Alpignano: alunni trasferiti in sedi a rischio

Alcune pareti dell'edificio sarebbero dotate di pannelli multistrato contenenti cemento-amianto, la cui pellicola in pvc risulterebbe danneggiata e riparata in più punti

Amianto alla scuola primaria "Gramsci" di Apignano, nel torinese. Secondo alcuni accertamenti effettuati dai tecnici dell'Asl e della Spresal a seguito di un esposto presentato da un comitato dei genitori degli alunni presso la Procura di Torino, alcune pareti dell'edificio sarebbero dotate di pannelli multistrato contenenti cemento-amianto, la cui pellicola in pvc risulterebbe danneggiata e riparata in più punti.

Gli alunni dell'istituto - circa 200 - sarebbero stati spostati in altre due sedi scolastiche di Alpignano già a partire dal prossimo settembre: il trasferimento era stato deciso nelle scorse settimane dall'amministrazione comunale in via precauzionale, a seguito del riscontro di alcuni problemi di natura strutturale alla scuola "Gramsci". Quando i tecnici sono, però, giunti all'istituto per i controlli, avrebbero trovato - invece di problemi strutturali - residui di amianto.

Tali problematiche sarebbero, invece, state riscontrate nelle altre due scuole destinate a ospitare i circa 200 studenti dal prossimo settembre: in particolare, in una delle due strutture vi sarebbero delle criticità strutturali realtive alle controsoffittature. Sul caso indaga il pm Raffaele Guariniello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia nel palazzo del centro cittadino: uomo si uccide gettandosi nel vuoto

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

Torna su
TorinoToday è in caricamento