Allarme bomba al tribunale di Ivrea, la polizia identifica l'autore della chiamata

Si tratta di un commerciante di Candia Canavese, alle prese con una serie di debiti con Equitalia, che è stato denunciato per procurato allarme

Immagine di repertorio

Si aprono nuovi scenari sul presunto allarme bomba al tribunale di Ivrea.

La polizia ha identificato l'autore della telefonata che, lo scorso 3 febbraio, aveva annunciato l'esplosione di una bomba all'interno del palazzo di giustizia eporediese.

Si tratta di un commerciante di Candia Canavese che è stato denunciato per procurato allarme.

Quella mattina le forze dell’ordine, grazie all’intervento delle unità cinofile e degli artificieri, passarono al settaccio tutte le aule del palazzo, senza però trovare alcun innesco.

L'uomo che ha telefonato sarebbe alle prese con una serie di debiti con Equitalia.

Quella mattina, secondo quanto hanno ricostruito gli agenti del commissariato eporediese, si sarebbe dovuto presentare in tribunale per un'udienza nel corso della quale avrebbe rischiato il pignoramento dei beni. Gli accertamenti sono al momento in corso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Morto durante una gastroscopia: la causa potrebbe essere l'anomalia di un macchinario

  • Cronaca

    Trancia un tubo del gas mentre sta tagliando il fieno

  • Cronaca

    Scippa la collanina ad una donna: poliziotto fuori servizio riesce ad arrestarlo

  • Cronaca

    Violenta e mette incinta una bimba di 11 anni: condannato a sette anni

I più letti della settimana

  • Ritrovata la 28enne scomparsa durante un rave party

  • Auto contro un albero nella notte: morto un uomo, tre feriti

  • Imprenditore torinese e la moglie uccisi in strada, l’agguato in Colombia

  • Prende a spallate la porta della casa che vuole svaligiare, ma dentro ci sono 3 ragazzini

  • Il camion in retromarcia colpisce l'autobus pieno di passeggeri: diversi feriti

  • L'ingegnere muore e lascia in eredità al Comune 820mila euro

Torna su
TorinoToday è in caricamento