Allarme bomba al tribunale di Ivrea, la polizia identifica l'autore della chiamata

Si tratta di un commerciante di Candia Canavese, alle prese con una serie di debiti con Equitalia, che è stato denunciato per procurato allarme

Immagine di repertorio

Si aprono nuovi scenari sul presunto allarme bomba al tribunale di Ivrea.

La polizia ha identificato l'autore della telefonata che, lo scorso 3 febbraio, aveva annunciato l'esplosione di una bomba all'interno del palazzo di giustizia eporediese.

Si tratta di un commerciante di Candia Canavese che è stato denunciato per procurato allarme.

Quella mattina le forze dell’ordine, grazie all’intervento delle unità cinofile e degli artificieri, passarono al settaccio tutte le aule del palazzo, senza però trovare alcun innesco.

L'uomo che ha telefonato sarebbe alle prese con una serie di debiti con Equitalia.

Quella mattina, secondo quanto hanno ricostruito gli agenti del commissariato eporediese, si sarebbe dovuto presentare in tribunale per un'udienza nel corso della quale avrebbe rischiato il pignoramento dei beni. Gli accertamenti sono al momento in corso.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Selfie sui tetti per ottenere consensi sui social: 9 minorenni salvati

  • Cronaca

    "Potete donare dei soldi per la piccola Bea?": ma è una truffa

  • Incidenti stradali

    Furgone vuole superare la coda, ma centra una macchina: donna in ospedale

  • Cronaca

    Scoperta nota discoteca senza autorizzazioni, sanzionato il titolare

I più letti della settimana

  • Topi e nutrie diventano spiedini da street food: il sequestro in strada

  • Juventus-Napoli streaming e TV: dove vedere la partita in diretta

  • Moto finisce sotto carroattrezzi, morto il centauro

  • Moto si scontra contro un'auto all'incrocio, morto il centauro

  • Esce di strada e finisce contro un'auto parcheggiata: in ospedale

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: traffico completamente in tilt

Torna su
TorinoToday è in caricamento