Il quadro elettrico dell’ascensore utilizzato per ricaricare tv e cellulare: denunciato un uomo

Il cavo conduceva ad un alloggio al terzo piano

Immagine di repertorio

Agenti del Comando Sezione 2 Mirafiori Nord e Sud della Polizia Municipale, insieme a tecnici della ditta di riferimento dell’Agenzia Territoriale per la Casa, sono intervenuti nel complesso di edilizia popolare di via Lamberto de Bernardi 2 e interni per verificare l’eventuale presenza di un allacciamento abusivo alla rete di erogazione di energia elettrica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Durante il sopralluogo, avvenuto nella notte tra mercoledì 9 e giovedì 9 agosto su segnalazione, gli agenti hanno notato un cavo elettrico, allacciato con una normale spina alla presa di servizio interna al quadro elettrico in uso ai tecnici ascensoristi, che entrava in un appartamento al terzo piano.
 
L’inquilino, che ha fatto entrare gli agenti e i tecnici nell’appartamento, utilizzava il cavo per alimentare un televisore e ricaricare il cellulare. L’uomo, un 58enne italiano, è stato denunciato in stato di libertà per sottrazione di energia mediante mezzo fraudolento.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento