Minorenni picchiano e rapinano per noia: 21enne grave in ospedale

Arrestati dai carabinieri

Immagine di repertorio

Nella notte di sabato 10 novembre, attorno alle 2, i carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia San Carlo, in piazza Maria Teresa, hanno arrestato sei studenti, 4 minorenni - 16 e 17 anni - e due maggiorenni, da pochi mesi, per rapina aggravata e lesioni. Sono tutti nati in italia ma due di origine brasiliana, due della Costa d'Avorio, uno italiano di origine africana, e un marocchino. Sono intervenute le pattuglie ancor prima delle varie segnalazioni al 112 di alcuni cittadini spaventati.

I militari hanno notato i due ragazzi a terra che gridavano circondati da altri che ridevano, insultavano e picchiavano. Immediato l’intervento e l’arresto dei sei giovani aggressori. Provengono da famiglie normali e i loro raid notturni sono frutto della noia e della ricerca di emozioni forti a tutti i costi.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno dei due ragazzi aggrediti - un 21enne italiano - è stato minacciato con dei cocci di vetro, colpito con calci e pugni al volto e derubato del telefono cellulare, successivamente recuperato e restituito. La vittima ora è ricoverata al Gradenigo in prognosi riservata ma non sarebbe in pericolo di vita. I carabinieri ritengono che gli arrestati siano responsabili di altre rapine in centro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

  • Il Comune lancia i buoni spesa: una piattaforma web e un call-center per l'accesso

Torna su
TorinoToday è in caricamento