Accusata ingiustamente di stalking, perde i suoi tre figli per quattro anni

Assurda vicenda giudiziaria

immagine di repertorio

Ha perso i suoi tre bambini da quasi quattro anni a causa di una calunnia. Quella di Annamaria Notario, 37enne di Foglizzo, è una vicenda tragica che ieri, mercoledì 21 marzo 2018, ha avuto la sua svolta grazie alla condanna a due anni e mezzo di Giulia Baro, 39enne di Caluso nuova compagna del suo ex marito, che l'aveva denunciata per stalking. Accuse che non avevano alcun fondamento, come è emerso nel corso del processo davanti al tribunale di Ivrea. E vita rovinata per la vittima e per i suoi tre figli. Il giudice Elena Stoppini ha pronunciato il verdetto che potrebbe aprire le porte al ritorno dei suoi bambini a casa.

Il 14 luglio 2014 la donna aveva ricevuto una chiamata dai carabinieri: l'invito a presentarsi in caserma con in bambini. Qui aveva trovato gli assistenti sociali che le avevano portato via i piccoli: i due più giovani erano finiti in una comunità protetta, il più grande col padre. Lei non li vede da allora. Ed era anche stata 21 giorni agli arresti domiciliari e per sei mesi col divieto di dimora a Caluso prima che il pm che conduceva l'inchiesta, Chiara Molinari, si rendesse conto che tutta la storia non stava in piedi.

Giulia Baro, infatto, si era incastrata da sola. Il 24 novembre 2014 dal suo computer aziendale era partita una lettera anonima indirizzata agli assistenti sociali che avevano tolto i figli alla rivale. L'avvocato Edoardo Carmagnola, inoltre, aveva dimostrato che Annamaria Notario non l'aveva mai pedinata o importunata: quando questo sarebbe avvenuto lei si trovava al lavoro. Era tutta una bugia per incastrarla e rovinarle la vita. Giulia Baro era stata così arrestata il 16 aprile 2015.

La donna, però, potrebbe anche non avere agito da sola. Per la vicenda, infatti, sono indagati due carabinieri di Montanaro che sarebbero entrati nei database dell’Arma per farle un favore, e una dipendente dei servizi sociali dell'Asl To4 che, basandosi esclusivamente sulle
accuse poi rivelatesi infondate, aveva firmato la relazione che aveva convinto i giudici del tribunale di Torino a portare via i tre figli ad Annamaria Notario.

Il tribunale di Ivrea che ha istruito una causa civile per valutare il ritorno a casa dei bambini. Il giudice Chiara Doglietto ha disposto una consulenza per valutare la capacità genitoriale della mamma. La risposta è attesa per il prossimo mese di luglio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento