Riscaldamento a Torino, le date di accensione dei termosifoni

Multe da 500 a 2500 euro per chi non ha ancora installato le termovalvole

Con l'equinozio del 23 settembre è iniziato ufficialmente in Italia e in tutto il resto dell'emisfero boreale l'autunno 2019. E, sebbene le giornate e il clima siano ancora gradevoli, al mattino e alla sera si inizia a percepire l'abbassamento delle temperature. Pertanto si inizia a pensare all'accensione dei termosifoni.

Le zone climatiche

Ciascuna località del nostro Paese ha limitazioni specifiche, definite dalle sei zone climatiche di competenza stabilite per legge. Per definire ciascuna zona è stata utilizzata un'unità di misura convenzionale: il "grado giorno" che indica la somma, estesa a tutti i giorni dell'anno, delle differenze tra temperatura interna agli edifici, stabilita anch'essa per convenzione, e temperatura media esterna.

Torino rientra nella zona climatica E. In questo gruppo di località, di solito montuose o settentrionali, la climatizzazione invernale può essere attivata nel periodo che va dal 15 ottobre al 14 aprile con un tetto massimo giornaliero di 14 ore.

Eventi climatici straordinari

La calendarizzazione dell'accensione e dello spegnimento dei riscaldamenti può comunque essere modificata qualora ci fossero eventi climatici straordinari. In caso di eccessivo freddo, l’attuale legge (D.P.R. 412/93 e DPR 551/99) permette l’accensione degli impianti di riscaldamento anche dal 16 aprile al 14 ottobre, con un tetto massimo giornaliero di 7 ore e un livello massimo della temperatura di 20° centigradi. In ogni caso, spetta al sindaco del comune di competenza fissare nuove scadenze in base alle esigenze specifiche della località.

Termovalvole

Con l'introduzione dell'obbligo di installazione delle valvole termostatiche, ogni condomino può decidere autonomamente quando, e con quale intensità, scaldare il proprio appartamento durante il funzionamento della caldaia, in modo da conservare un microclima salubre, risparmiando. Le sanzioni previste, qualora le termovalvole non siano state installate secondo gli obblighi di legge, ammontano da un minimo di 500 euro ad un massimo di 2500 euro. E in questo quadro va segnalata una statistica importante: secondo i dati dell’industria del settore, solo un immobile su due finora è in regola. .

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento