Controlli in un campo nomadi: scoperte 13 strutture non autorizzate e una discarica abusiva

Anche un motorino rubato, il “kit delle truffe agli anziani” e munizioni

Le perquisizioni all’interno di un campo nomadi situato a Torrazza Piemonte si sono concluse con il deferimento in stato di libertà di 6 persone pregiudicate di etnia sinti. Ad entrare nel campo nomadi sono stati i Carabinieri della Stazione di Leinì, coadiuvati dai militari della Compagnia di Venaria Reale e della Stazione di Verolengo.

I militari hanno accertato, con ausilio dell’Ufficio Tecnico del Comune di Torrazza Piemonte, che erano stati realizzati ben 13 manufatti, adibiti ad abitazioni, magazzini e servizi igienici, senza alcuna autorizzazione urbanistica. 

Durante le perquisizioni i carabinieri hanno trovato anche 26 munizioni, un ciclomotore provento di furto in Provincia di Milano nel 2013 e, nascosto dentro una lavatrice il classico “kit delle truffe agli anziani”, ovvero otto targhe di autovetture contraffatte e loghi della “Regione Piemonte” e della “Smat” da applicare alle vetture.

campo nomadi targhe-2

Inoltre, in un terreno agricolo adiacente al campo nomadi, gli stessi occupanti avevano realizzato una discarica abusiva di 200mq composta da rifiuti pericolosi e 23 fusti di sostanza oleosa, che ha costretto i militari all’ausilio di personale ARPA Piemonte per i campionamenti e la messa in sicurezza dell’area. I corpi di reato e la discarica sono stati sottoposti a sequestro penale. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento