Spray urticante spruzzato in un convoglio del treno regionale: un uomo denunciato

Grazie a telecamere e testimoni

Immagine di repertorio

Il treno regionale che da Torino-Porta Nuova porta a Bardonecchia, lunedì sera, 26 agosto 2019, stava ormai per partire.

All'interno molti pendolari, pronti a fare ritorno a casa dopo una giornata di lavoro. Ma poco prima del fischio del capotreno, in tanti hanno iniziato a gridare e a tossire: qualcuno aveva spruzzato dello spray urticante all’interno di una carrozza.

Immediatamente, i passeggeri sono stati messi in sicurezza. Dopo i controlli di rito a livello sanitario, sono stati poi fatti salire su un altro convoglio.

La polizia ferroviaria ha subito trovato il responsabile, anche grazie ad alcuni testimoni, fra cui due giovani: si tratta di un 54enne italiano, già noto alle forze dell'ordine per essere stato arrestato per minaccia a pubblico ufficiale. 

Per identificarlo sono servite anche le immagini del sistema di videosorveglianza della stazione ferroviaria. La bomboletta è stata invece trovata dentro ad un cestino dell'immondizia. 

L'uomo è stato così denunciato per i reati di "getto pericoloso di cose", "interruzione di pubblico servizio", "procurato allarme" e "lesioni aggravate". Questo perché due ragazzi, una volta arrivati a Bardonecchia, sono ricorsi a cure mediche per il persistente bruciore agli occhi. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ventiquattro ore dopo, nuovo dramma in autostrada: morto un 26enne

  • Sbanda con l'auto e finisce contro il guardrail: morta una donna

  • Precipita dal quarto piano mentre fa lavori in casa: morto dopo l'arrivo in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto che invade la corsia opposta: scontro frontale, ragazzo grave in ospedale

  • Abbandona un sacco lungo la strada: “pizzicato” dalle telecamere e sanzionato dai vigili

  • Moto trovata in un fosso a bordo strada: centauro morto nonostante i soccorsi

Torna su
TorinoToday è in caricamento