Aspettavano i clienti davanti alla stazione per la prendere la “comanda della droga”: due arrestati

Le consegne avvenivano subito dopo a casa o in un garage

Il materiale posto sotto sequestro

Ancora una volta la stazione di Trofarello al centro dell’attenzione. Dopo i danneggiamenti che hanno portato alla chiusura della sala d'attesa nelle ore serali, la stazione è stata scelta da alcuni pusher italiani come base operativa. 

I carabinieri hanno avviato una serie di accertamenti che hanno portato all’arresto di due spacciatori. I pusher aspettavano i clienti davanti alla stazione ferroviaria per prendere “la comanda” con un foglietto sul quale venivano annotate le richieste dal cliente. Le consegne avvenivano poco dopo o nell’abitazione dei pusher o in un garage.

Due 19enni arrestati

La tecnica è stata scoperta dai carabinieri che nei giorni scorsi hanno individuato e arrestato un 19enne del luogo, responsabile di detenzione ai fini di spaccio di droga. Durante la perquisizione personale e domiciliare sono stati sequestrati 166 grammi di marijuana, 1.700 euro in contanti ritenuto provento di spaccio, e vari strumenti per il taglio e confezionamento della sostanza.

La sera dopo l’arresto del 19enne, vicino alla stazione ferroviaria, i carabinieri hanno arrestato un suo coetaneo sempre per detenzione ai fini di spaccio di droga. La perquisizione personale ha permesso di sequestrare 250 grammi di marijuana. A casa del fermato i carabinieri hanno trovato 35 grammi di cocaina, 2 bilancini di precisione, materiale vario per il confezionamento della sostanza, sostanza da taglio e 110 euro in contanti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due giovani si conoscono tra di loro, utilizzano lo stesso metodo di vendita, ma non lavoravano assieme, secondo quanto accertato dai militari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento