Scarafaggi (vivi e morti) in cucina e nella pizza e insetticidi vicino agli alimenti: chiusa una pizzeria

Blitz della polizia e dell'Asl

Gli scarafaggi nella pizza

Gli scarafaggi, sia vivi sia morti, erano davvero ovunque. Nei contenitori per alimenti. Sul tavolo dove vengono usati gli alimenti stessi. Dentro e dietro i frigoriferi. Nel deposito dell’esercizio. Sugli scaffali. Negli impasti.

E, come se non bastasse, nel congelatore erano conservati diversi alimenti privi di etichettatura e in cattivo stato di conservazione. E, ancora, dell'insetticida in polvere era presente nelle vicinanze degli alimenti, con il rischio di causare gravi danni alla salute umana. 

Per questi motivi, gli agenti del commissariato “Barriera Nizza” hanno sequestrato la "Pizzeria Boom" di via Madama Cristina 139 a Torino. 

Il blitz della polizia di martedì 22 gennaio 2019 - assieme al personale del Servizio d'igiene degli alimenti della nutrizione dell'Asl To1 - è scattato dopo la segnalazione da parte di una coppia che sabato sera, 19 gennaio 2019, aveva ricevuto a casa - tramite il servizio di spedizione dei pasti - dei tranci di pizza. Tra cui uno con sopra uno scarafaggio.

Di qui la chiusura del locale e le sanzioni amministrative ai danni del titolare, di nazionalità italiana, che è stato anche denunciato per la cattiva conservazione di sostanze alimentari destinate alla vendita e alla somministrazione al pubblico. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

  • Scontro fra tre veicoli, uno travolge un ciclista: muore sotto gli occhi della moglie

Torna su
TorinoToday è in caricamento